Le commissioni di trading sulla piattaforma BitIQ Pro sono molto più competitive. Non solo la piattaforma offre spread più stretti, ma le commissioni sono ridotte allo 0,25%. I trader con volumi elevati che sono in grado di scambiare un surplus di 10 milioni di dollari al mese possono ottenere un’ulteriore riduzione allo 0,15%.

Pagamenti su BitIQ

Le due principali opzioni di pagamento disponibili su BitIQ sono la carta di debito e il bonifico bancario. Le carte di credito non sono accettate. Per quanto riguarda quest’ultimo, questo avverrà tramite SEPA se hai sede in Europa, e ACH o bonifico bancario se sei un cittadino statunitense. I trader del Regno Unito useranno un bonifico bancario locale.

Proprio come la sua struttura dei prezzi, la disponibilità di Paypal è super-confusa, in quanto dipende da dove sei basato. Al momento di scrivere, Paypal è disponibile per prelevare fondi – ma non per depositare, in 32 paesi europei (compreso il Regno Unito) e negli Stati Uniti.

BitIQ ha l’abitudine di cambiare le sue politiche di pagamento su base regolare, quindi è meglio controllare quali opzioni sono disponibili al momento dell’acquisto!

BitIQ è sicuro?

Quando si tratta di reputazione, non c’è niente di meglio di BitIQ. Questo riguarda sia la sua posizione normativa che i controlli di sicurezza impiegati dalla piattaforma, che discuto più in dettaglio qui sotto. BitIQ è al livello dei migliori exchange come Kraken, Binance e Bitfinex quando si tratta di sicurezza e reputazione.

REGOLAMENTO
Negli Stati Uniti, dove BitIQ ha il suo quartier generale, l’azienda è registrata come un’impresa di servizi monetari con FinCEN. Ciò significa che BitIQ aderisce a tutti i regolamenti statunitensi pertinenti sul contrasto al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo.

In termini profani, questo significa che ogni persona che utilizza la piattaforma deve passare attraverso un processo KYC (Know Your Customer). Questo richiederà la fornitura di un documento d’identità rilasciato dal governo. Dovrei anche notare che BitIQ sta sperando di ottenere l’approvazione dalla SEC per una licenza di brokeraggio a tutti gli effetti.

Nel Regno Unito, Coimbase è registrato come un business di moneta elettronica con la Financial Conduct Authority (FCA). Questo è lo stesso organismo di regolamentazione che governa il settore finanziario del Regno Unito.

STOCCAGGIO A FREDDO
Il consenso generale nello spazio delle criptovalute è che è molto più sicuro ritirare le tue monete da uno scambio/broker online e metterle in un portafoglio privato. Questo ti dà il pieno controllo sulle tue monete. In alternativa, se decidi di lasciare le tue criptovalute in una piattaforma di terze parti – e questa successivamente viene violata, le tue monete potrebbero essere rubate.

Ma, nel caso di BitIQ, la piattaforma ha effettivamente alcuni dei controlli di sicurezza più a tenuta stagna nell’arena di intermediazione delle criptovalute. In primo piano c’è l’impegno del broker per il ‚cold storage‘. Infatti, il 98% di tutti i cripto-fondi dei clienti sono tenuti in cold storage, il che significa che le monete rimangono offline in ogni momento. Come tale, anche se il broker avesse i suoi server compromessi, la maggior parte delle sue monete dovrebbe rimanere protetta.